INAUGURATO A CATANIA IL PARCO AGOS GREEN&SMART DI VULCANIA

In una giornata dedicata alla sostenibilità e allo sport per le famiglie e i bambini, le istituzioni e i partner hanno simbolicamente tagliato il nastro aprendo il parco alla cittadinanza di Catania.

Realizzato in collaborazione con il Comune di Catania e sviluppato da Brand for the City, l’intervento di rigenerazione del Parco Vulcania ha inaugurato il nuovo modello, unico in Italia, di ‘Parchi urbani a 4 dimensioni’ – Green, Sport, Smart, Art – voluto da Agos per portare ‘qualcosa in più’ a parchi urbani già esistenti e da valorizzare in diverse regioni italiane.  L’intervento vuole comunicare i valori “green” e “prossimità” alla base della strategia di sostenibilità di Agos, che si esprime attraverso l’impegno di Agos for Good. In una giornata dedicata alla sostenibilità e allo sport per le famiglie e i bambini, le istituzioni e i partner hanno simbolicamente tagliato il nastro aprendo il parco alla cittadinanza di Catania.

Alla cerimonia di taglio del nastro erano presenti Federico Portoghese, Commissario straordinario del Comune e della Città Metropolitana di Catania, Laura Galimberti, Legal Affairs Director & Corporate Sustainability Agos, Enzo Falzone, Vicepresidente Vicario Coni Sicilia e delegato Provincia di Catania e il generale Vincenzo Parrinello per Fondazione Sport City. Durante la cerimonia, Francesco Moneta, consigliere di Brand for the City, ha ringraziato quanti hanno consentito la realizzazione del parco, tra i quali Giuseppe Ferraro, Capo di Gabinetto del Comune di Catania; Paolo Ferrara, Presidente III Municipio “Borgo-Sanzio” di Catania; Paolo di Caro, Direttore settore Sport del Comune di Catania; Sergio Parisi ex assessore allo Sport del Comune di Catania, Fabio Pagliara presidente della Fondazione Sport City; Rosangela Arcidicono di Plastic Free; gli street artist Gummy Gue, che hanno realizzato il playground del campo da basket e i team di Agos di Milano (in particolare Marina dalle Carbonare) e Catania, Brand for the City e The Round Table.